vuoi collaborare al Regno di Dio? c'é bisogno di te !!!

Per la Chiesa Universale

OFFERTE PER IL SOSTENTAMENTO DEL CLERO

IL TUO AIUTO ALLA TUA CHIESA

Malachia > Capitolo 3

3:10 Portate le decime intere nel tesoro del tempio,

perché ci sia cibo nella mia casa;

poi mettetemi pure alla prova in questo,

- dice il Signore degli eserciti –

se io non vi aprirò le cateratte del cielo

e non riverserò su di voi benedizioni sovrabbondanti.

 

3:11 Terrò indietro gli insetti divoratori

perché non vi distruggano i frutti della terra

e la vite non sia sterile nel campo,

dice il Signore degli eserciti.

 

Un regalo è un contributo di sopra e oltre la vostra decima.

Le opere di misericordia sono azioni caritatevoli

con cui venire in soccorso del nostro prossimo nelle sue

necessità spirituali e corporali.

Istruire, consigliare, consolare, confortare sono opere di

misericordia spirituale.

Le opere di misericordia corporale consistono soprattutto

nel dare da mangiare agli affamati, dare riparo ai senza

tetto, vestire gli ignudi, visitare gli ammalati e i carcerati,

e seppellire i morti.

Tra tutti questi, l’elemosina ai poveri è uno delle maggiori

testimonianze di carità fraterna: è anche un opera di giustizia

gradita a Dio: Chi ha due tuniche, ne dia una a chi non ne ha

e chi ha da mangiare, faccia altrettanto».







Contribuisci con la tua decima. Grazie.




Rapporto Caritas

Un italiano su quattro vive al di sotto o appena sopra la soglia di povertà relativa. Famiglie con figli e persone non autosufficienti le persone più a rischio

La povertà “coinvolge” 15 milioni di italiani, cioè uno su quattro: oltre ai circa 7 milioni e mezzo che vivono al di sotto della soglia di povertà relativa




Basta che un bambino venga concepito perché sia titolare di diritti, meriti attenzioni e cure e qualcuno abbia il dovere di provvedervi.                   Giovanni Paolo II





Presentiamo al Signore pane e vino per l’Eucaristia: Gesù utilizzerà il nostro pane e il nostro vino per farne il suo “corpo” e il suo “sangue” offerti al Padre e dati a noi in remissione dei peccati. Alla presentazione di pane e vino i partecipanti alla Messa offrono, sotto questi segni, se stessi e la loro vita con le sue fatiche, gioie e sofferenze.

 L’offertorio indica chiaramente la partecipazione attiva dei laici, sia nel portare il pane e il vino per la celebrazione, sia nell’offerta per le necessità della Chiesa e dei poveri. Durante l’offertorio c’è la raccolta delle offerte.  Ci è chiesto di donare qualcosa per sostenere la comunità e i più poveri.